Home Associazione Adozioni a distanza Regole e regolamenti
  • logo_nuovo_piccolo_tbnAggiornati i contatti della Associazione: da ora un
    nuovo numero di telefono per chiedere informazioni sul tuo abbinamento.

  • 5x1000-2012Una firma che fa bene: aiutare la nostra Associazione non ti costa nulla!
    Per ulteriori informazioni clicca qui
  • lotta-TBC-homeAiutaci a sconfiggere la Tubercolosi: gli amici di Tondo hanno bisogno di te!
    Per ulteriori informazioni clicca qui
Regole e regolamenti PDF Stampa E-mail

Riportiamo la traduzione dei documenti che vengono consegnati al ragazzo (e alla famiglia) prima della sua adesione al programma: è significativo sottolineare questo aspetto, in quanto ci fa capire la serietà con la quale i ragazzi devono affrontare l’impegno scolastico e quale sostegno ricevono dai loro responsabili.

REGOLAMENTO

Queste 10 regole sono tratte dal regolamento che è alla base del progetto di adozioni a distanza “Una mano aiuta l’altra”

  1. Gli scolari non devono considerare il supporto come un loro privilegio e diritto, ma come segno positivo di una condivisione Evangelica e Cristiana.
    Sarebbe un grave errore considerare questo progetto come “il ricco che aiuta il povero per via della compassione”. Questo NON è un valore cristiano.
  2. La cifra donata dai benefattori deve servire unicamente per gli studi, ponderata per ogni ragazzo e viene verificata di tanto in tanto.
  3. Lo studente deve studiare con buona volontà e intensamente e avere una valutazione minima pari all’82%
  4. Lo studente viene invitato a partecipare alle iniziative parrocchiali in accordo alle proprie capacità e disponibilità.
  5. Lo studente deve partecipare agli Incontri di Formazione promossi dal progetto “Una mano aiuta l’altra”.
  6. Lo studente non può, senza preavviso, iscriversi ad alcuna scuola privata o cambiare il corso di studi già cominciato.
    Questo potrebbe essere causa di sospensione dal progetto.
  7. Un mese prima di eventi particolarmente importanti e del compleanno, il ragazzo è invitato a scrivere gli auguri al proprio sponsor.
    E’ importante educare al valore Cristiano della Gratitudine.
  8. Concluse le scuole medie, i coordinatori sottopongono gli studenti a un test attitudinale.
    Il risultato, completato da intervista, aiuteranno nella scelta del giusto corso o scuola di specializzazione per il ragazzo.
  9. E’ obbligatorio da parte dello studente consegnare allo sponsor la pagella del semestre e una sua lettera di saluto.
  10. Lo studente si deve assicurare di aver consegnato la fotocopia dei certificati di Battesimo, Cresima, nascita e tutti i documenti necessari al programma.

Soprattutto: mantenere un buon comportamento e avere una buona morale…

LETTERA APERTA

Caro studente,

dobbiamo parlarti del nostro progetto di sostegno scolastico. Ti chiediamo di prestare grande attenzione in quanto non desideriamo che si creino equivoci.
Il progetto Una mano aiuta l’altra” è Cristiano e Cattolico. Pertanto vi sono alcune semplici regole per il suo successo:

  • sei stato TU a CHIEDERE di poter partecipare al progetto.
  • non te lo abbiamo chiesto noi…sei stato tu a venire in Parrocchia…
  • dobbiamo evitare qualsiasi forma di “ricatto” circa la “vita Cristiana”

Problemi:

  • se non frequenti la Messa tutte le domeniche, non pratichi i sacramenti, non possiamo eliminarti dal progetto.
    Quindi la partecipazione alla Messa è una tua responsabilità (sei battezzato). E’ un problema della tua coscienza…se trascuri la Messa, commetti un peccato di ignoranza.
  • devi frequentare la formazione mensile.
    Non dimenticare che prima di entrare ufficialmente in questo progetto, hai firmato, accettandone completamente tutte le regole. Non sei scusato tranne che in casi di malattia o altri problemi seri.

Ricorda che per il successo del progetto “Una mano aiuta l’altra” vi sono tre cose fondamentali:

FORMAZIONE – STUDI – SOLDI

Basta che solo una di queste cose venga meno, che anche le altre due ne risentiranno.

(Tondo – Manila 1 Giugno 2000; “Regole” e “Lettera aperta” sono tratti dallo “Student’s Handbook”)