Home Associazione Adozioni a distanza Adozioni a distanza Filippine - Una mano aiuta l'altra
  • logo_nuovo_piccolo_tbnAggiornati i contatti della Associazione: da ora un
    nuovo numero di telefono per chiedere informazioni sul tuo abbinamento.

  • 5x1000-2012Una firma che fa bene: aiutare la nostra Associazione non ti costa nulla!
    Per ulteriori informazioni clicca qui
  • lotta-TBC-homeAiutaci a sconfiggere la Tubercolosi: gli amici di Tondo hanno bisogno di te!
    Per ulteriori informazioni clicca qui
Adozioni a distanza Filippine - Una mano aiuta l'altra PDF Stampa E-mail
Le Filippine, dove operano i Padri Canossiani, sono un paese tra i tanti dove uomini, donne e bambini soffrono la fame, l’ignoranza, muoiono prima del tempo e non sempre per colpa loro!

Un anno dopo la costruzione ed inaugurazione dei locali costruiti a Tondo avvenuta il 5 Dicembre 1993, la nostra Parrocchia S. Maria Nascente a Paderno Dugnano si è gemellata con la Parrocchia S. Paolo Apostol in Tondo (quartiere tra i più poveri della città di Manila).
Poco dopo la nascita del Gemellaggio, abbiamo aderito come Parrocchia S. Maria Nascente al programma di adozioni a distanza dei Padri Canossiani chiamato "Una mano aiuta l’altra".

L'anno 2003 segna dieci anni di attività a fianco della comunità S. Pablo in Tondo: un percorso certamente pieno esperienze arricchenti e profonde e che ci hanno portato a costituire la Onlus: "Una mano aiuta l'atra - Paderno - Onlus"

Nelle prossime pagine spiegheremo le modalità con le quali portiamo avanti il nostro programma di adozioni a distanza e come è collegato con il lavoro di formazione e promozione umana operato dai Padri Canossiani.

 

"Oggi nessuno lo può ignorare! Sopra interi continenti, innumerevoli sono gli uomini e le donne
torturati dalla fame, innumerevoli sono in bambini sottonutriti, al punto che molti di loro muoiono in tenera età,
che la crescita fisica e lo sviluppo mentale di parecchi altri ne restano compromessi,
che regioni intere sono per questo condannate al più cupo avvilimento".
(Paolo VI)